Cerca QUI

Nasa, la vita su Marte simulata in un vulcano delle Hawaii

Sei astronauti ''prigionieri'' in una struttura che simula il Pianeta Rosso.


Otto mesi all'interno di un vulcano per vivere in condizioni simili a quelle che troverebbero su Marte.
Il 16 ottobre la Nasa ha dato il via a un esperimento alle Hawaii che coinvolge sei astronauti per provare la fattibilità della missione sul Pianeta Rosso.
LUNGHI PERIODI IN UNO SPAZIO STRETTO. Gli scienziati rimarranno all'interno di una cupola geodetica del vulcano Mauna Loa, un ambiente che dovrebbe assomigliare a quello in cui dovrebbero vivere su Marte, per verificare se gli esseri umani sono in grado di vivere per lunghi periodi in uno spazio stretto.
Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter

Per Martha Lenio, 34enne imprenditrice nel settore dell'energia rinnovabile e al comando della missione, si tratta anche della possibilità di esplorare le frontiere più estreme della sostenibilità. «Se saremo in grado di vivere così nella nostra stazione spaziale», ha affermato, «potrebbe essere più facile farlo sulla Terra».
40' PER RICEVERE UN MESSAGGIO. Gli astronauti indosseranno sensori biometrici e saranno costantemente monitorati dai ricercatori. Avranno inoltre la possibilità di comunicare in differita di 20 minuti, simulando il tempo necessario per comunicare con Marte e ci vorranno 40 minuti per ricevere una risposta a qualsiasi messaggio inviato alla stazione di controllo della missione.
Per questo, ha aggiunto Martha Lenio, i partecipanti devono essere essere più autosufficienti degli astronauti lunari che sono in costante contatto con la Terra.

Sei persone in meno di 100 metri quadrati

Il soggiorno, malgrado la destinazione, non si annuncia di tutto riposo: «Li stresseremo», hanno minacciato dalla Nasa.
A 2.500 metri di altezza, il suolo vulcanico ricorda molto quello di Marte e gli astronauti divideranno un'abitazione (la 'Hi-Seas') poco più piccola di 100 metri quadrati: strutturata su due livelli, il primo piano ospita una stazione di lavoro, una cucina, una stanza da pranzo un picolo magazzino e un bagno; al piano superiore si trovano sei mini stanze da letto e un secondo bagno, oltre a una piccola palestra con cyclette.
SCELTI TRA 700 VOLONTARI. Selezionati tra 700 volontari, i partecipanti non sono stati presi a caso: tra di loro un neuropsichiatra, un ingegnere aerospaziale e un ex pilota dell'Air Force.
Oltre al disagio di dover convivere in uno spazio stretto, le persone devono anche razionare viveri e acqua (una sola doccia a settimana di massimo otto minuti) e munirsi di tute spaziali per uscire dalla cupola e portare avanti una serie di sperimentazioni. La Nasa monitorerà l'umore dei sei inquilini, i loro comportamenti e i rapporti reciproci per tutta la durata della simulazione. 

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.