Cerca QUI

Scoperto il sito d'impatto di una sonda della NASA sulla Luna

Animazione del cratere Sundman V prima e dopo l'impatto della sonda LADEE. Foto NASA/GSFC/LROC.


La sonda spaziale Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA ha spiato la formazione di un nuovo cratere sulla Luna, generato dall'impatto della collega LADEE. La sonda LADEE aveva concluso la sua missione ad Aprile di quest'anno con un sensazionale tuffo nella superficie lunare. Fino ad ora, però, il suo sito d'impatto non era mai stato trovato.


Un'immagine ravvicinata del cratere generato da LADEE. Foto NASA/Goddard/Arizona State University.
"Di recente, gli scienziati a capo di LRO hanno sviluppato un nuovo strumento digitale per cercare coppie di immagini scattate dalla Narrow Angle Camera prima e dopo la formazione di nuovi crateri, e trovare l'impatto di LADEE è stato un test molto divertente," ha commentato Mark Robinson dell'Università dell'Arizona.
Grazie a questo nuovo software, gli scienziati hanno potuto individuare un cratere largo poco più di tre metri in diametro generato dall'impatto della sonda LADEE. La missione era terminata il 18 Aprile, una settimana dopo che la sonda aveva acceso i suoi propulsori per l'ultima volta e aveva iniziato una rapida discesa verso la faccia nascosta della Luna.
LADEE, grande più o meno quanto un frigorifero, si è schiantata a 780 metri dal bordo orientale del cratere Sundman V, un cratere da impatto largo 19 chilometri. Lo schianto di LADEE è avvenuto a 2590 metri di altitudine, e appena 300 metri a nord del sito previsto dagli ingegneri. Dal cratere generato dalla sonda americana si stacca una lunga scia di detriti che si estende per 295 metri verso nord-ovest.
L'impatto di LADEE contro il suolo lunare è avvenuto a circa 1700 metri al secondo, ossia 6120 chilometri orari, una velocità piuttosto ridotta in ambito spaziale.
Le immagini scattate dalla fotocamera NAC a bordo di LRO hanno una risoluzione impressionante, pari a circa 250 megapixel. Identificare un cratere così piccolo in fotografie così grandi sarebbe stata un'impresa disumana: per questo i ricercatori hanno preferito scrivere un software che prendesse due immagini della stessa regione vista in momenti diversi e le sottraesse tra di loro, facendo così emergere le differenze.
"Sono contento che il team di LRO sia stato in grado di confermare il punto d'impatto di LADEE," ha spiegato Butler Hine, a capo della sonda che si è schiantata a inizio anno contro il nostro compagno celeste. "Questo dato aiuterà il team di LADEE a sapere esattamente dove i risultati del loro duro lavoro sono finiti."
LADEE era decollata il 6 Ottobre 2013 alla volta della Luna per raccogliere importanti dati sulla sua atmosfera. LRO, invece, decollò il 18 Settembre 2009, ma la qualità delle sue immagini rimane impareggiabile.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.