Cerca QUI

"San Marco" dopo 50 anni: 16 dicembre 1964

50 sono gli anni trascorsi dal momento che "San Marco I" andò nello spazio. Quello fu il primo satellite, progettato e costruito in Italia, ad esser andato nello spazio.


san marco I_003

Il lancio (Wallops Island, Virginia, il 15 dicembre 1964)

san marco I_002
Luigi Broglio, ingegnere dell' Aeronautica Militare, e padre del progetto San Marco, esprime la propria soddisfazione per la riuscita del progetto a Wallops Island.
san marco I_005

Edoardo Amaldi, collaboratore di Enrico Fermi, fu il principale fautore degli esperimenti di fisica compresi nel progetto San Marco.
san marco I_008
Disegno artistico del satellite "San Marco I" in orbita
san marco I_004
"San Marco" durante la fase di installazione all'interno della struttura del missile di lancio NASA "Scout".
B4-988, S-138R - rocket shown on launcher
La base di lancio (struttura ai tempi di "San Marco"), presso il "Langley Research Center" della NASA a Wallops Island, Virginia.
Historic Langley Research Center
Un interno dei laboratori del "Langley Research Center" della NASA dove furono addestrati al lancio gli ingegneri italiani dell'allora Centro di Ricerche Spaziali.
Scout Project
Il lancio di un missile del tipo "Scout" dalla rampa di Wallops Island, Virginia. San Marco fu costruito, a differenza degli altri, interamente in italia.
Dr. Hugh L. Dryden seated at desk
Il fisico statunitense Hugh L. Dryden. Fu il principale sostenitore della joint venture tra NASA e CRS nel progetto San Marco.
san marco I_001
Un immagine della base dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) "Luigi Broglio" di Malindi (Kenya") dedicata al pioniere dell'avventura spaziale italiana.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.