Cerca QUI

Spazio: un mese di vita in più per la sonda NASA Messenger

Nasa MessengerMessenger, la sonda della Nasa che orbita intorno a Mercurio, avrà un mese di vita in più per studiare le caratteristiche e l’ambiente del pianeta più vicino al Sole. Messenger ha ormai esaurito il carburante a disposizione, ma gli ingegneri della missione sono riusciti a usare il gas di pressurizzazione nel sistema di propulsione come carburante ausiliario. A marzo del prossimo anno – ricorda Media Inaf, il notiziario dell’Istituto nazionale di Astrofisica – Messenger avrà comunque consumato tutto il propellente a disposizione e cadrà sulla superficie del pianeta.
“Messenger ha praticamente esaurito il suo propellente liquido e ciò impedisce nuove manovre per mantenerlo in vita più a lungo modificandone l`orbita”, spiega l`ingegnere di sistema della missione, Dan O`Shaughnessy, della Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory. “Tuttavia, l`elio gassoso utilizzato per pressurizzare i serbatoi di propellente della sonda può essere usato per continuare a fare piccoli aggiustamenti alla traiettoria”. Questo gas è meno efficiente, e in più o motori non sono ottimizzati per il suo utilizzo, ma è comunque efficace come propellente liquido per modificare la traiettoria del veicolo spaziale.
E` la prima volta, per quanto ricordino gli ingegneri del team, che viene usato un simile espediente per prolungare l`esistenza della sonda, anche perché, fanno notare, è di solito più frequente che le sonde abbiano un problema tecnico piuttosto che essere fermate dalla fine del carburante.
Grazie all’escamotage Messenger trascorrerà più tempo ad esplorare Mercurio da distanza ravvicinata. “Durante il periodo supplementare di operatività, fino a quattro settimane, la sonda misurerà le variazioni del campo magnetico interno di Mercurio a scale orizzontali più corte rispetto al passato”, aggiunge Haje Korth, responsabile del magnetometro a bordo della sonda.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.