Cerca QUI

Inviare cianobatteri su Marte potrebbe diventare realtà con Mars One




Nonostante ormai ci appaia molto familiare, grazie alle immagini inviate a Terra dalle sonde e dai rover, Marte è un pianeta duro ed ostile per i futuri esploratori. Ora però, un team di studenti tedeschi, dell'University of Applied Science e della Technical University, entrambe di Darmstadt, è deciso a compiere il primo passo per la terraformazione, inviando cianobatteri sul Pianeta Rosso per generare ossigeno dall'anidride carbonica.
Nonostante ormai ci appaia molto familiare, grazie alle immagini inviate a Terra dalle sonde e dai rover, Marte è un pianeta duro ed ostile per i futuri esploratori. Ora però, un team di studenti tedeschi, dell'University of Applied Science e della Technical University, entrambe di Darmstadt, è deciso a compiere il primo passo per la terraformazione, inviando cianobatteri sul Pianeta Rosso per generare ossigeno dall'anidride carbonica, che è il componente principale dell'atmosfera marziana (circa il 96%).
"I cianobatteri vivono in condizioni sulla Terra dove non ti aspetteresti di trovare la vita. Sono presenti ovunque sul nostro pianeta!", ha spiegato il capogruppo Robert P. Schröder al sito astrowatch.net.
Il progetto ora sta partecipando alla competizione Mars One University Competition e può essere votato alla pagina cyanoKnights.bio.
Se vincerà, il "pacchetto regalo" verrà consegnato al Pianeta Rosso con un lander senza equipaggio nel 2018.
I cianobatteri produrranno ossigeno attraverso la fotosintesi riducendo l'anidride carbonica e potranno fornire cibo e vitamine importanti per una sana alimentazione, si legge nella descrizione del progetto.
La squadra sta testando la loro attività all'interno di fotobioreattori in quarantena, per diverse condizioni ambientali (pressione atmosferica, temperatura, radiazioni, ...) per definire la soluzione migliore per Marte.
Cyanobacteria Spirulina
"Le idee iniziali erano di natura tecnica ma erano troppo noiose per meA scuola mi piaceva la biotecnologia.Quando ho sentito parlare di cianobatteri e di come possono sopravvivere in condizioni difficili sulla Terraho avuto un flashback che mi ha convinto del tutto", ha spiegato Schröder.
Ma il team assicura che si tratterebbe solo di un esperimento: i cianobatteri rimarrebbero confinati all'interno dei laboratori e distrutti a fine missione. "Non vogliamo fare del male a Marte", ha aggiunto Schröder che si è candidato anche come colono per la futura missione umana.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.