Cerca QUI

La Nasa: più vicini che mai alla scoperta di una nuova Terra

I pianeti extrasolari individuati dal telescopio spaziale Kepler hanno raggiunto quota mille, tra cui otto nuovi potenziali “cloni” del nostro mondo

Nasa
“Ogni nuova scoperta del cacciatore di esopianeti Kepler ci porta un passo più vicino alla risposta all’irrisolto e fatidico quesito: siamo soli nell’Universo?”. Lo dice John Grunsfeld, amministratore associato presso lo Science Mission Directorate del quartier generale della Nasa a Washington.
Il telescopio spaziale, che dal 2009 al 2013 ha setacciato più di centocinquantamila sistemi stellari, ha infatti individuato oltre quattromila potenziali pianeti extrasolari e in questi giorni gli scienziati, dopo mesi di analisi sui dati raccolti, hanno confermato che 554 di questi sono effettivamente mondi alieni.
Aggiunti agli altri già verificati, i pianeti al di fuori del Sistema Solare scoperti da Kepler hanno raggiunto esattamente quota mille.
Tra loro, otto hanno dimensioni paragonabili a quelle della Terra e orbitano astri simili al Sole nella fascia di abitabilità, cioè la zona né troppo vicina né troppo distante dalla stella madre dove ci sono le condizioni per poter ospitare la vita, prima tra tutte la possibilità di mantenere l’acqua allo stato liquido.
kepler_hall_of_fame_jan2015_profile-full
Ecco le dimensioni dei nuovi otto pianeti scoperti da Kepler comparate con quelle della Terra

untitled
Le zone del cielo, vicino alla costellazione della Lira, dove il telescopio Kepler ha effettuato le osservaioniballcryotest
Una fase dell'assemblaggio del telescopio spaziale Webb: una volta in orbita (il lancio è previsto tra tre anni) sarà il più potente strumento di osservazione di tutti i tempi


In particolare, due dei nuovi membri appena aggiunti al catalogo dipotenziali “gemelli della Terra” sono pianeti rocciosi con un diametro paragonabile a quello del nostro pianeta: Kepler-442b è infatti solo di un terzo più grande e Kepler-438b solo di un decimo.
Entrambi si trovano in direzione della costellazione della Lira (il campo di osservazione dove ha scrutato il telescopio Kepler) a mille e cento anni luce di distanza il primo e quattrocento settantacinque il secondo e girano attorno a due stelle un po’ più piccole e fredde del Sole, il che rende la fascia di abitabilità molto più vicina alla stella madre rispetto a quella del Sistema Solare. Infatti i due corpi celesti percorrono orbite molto strette, della durata rispettivamente di 112 e 36 giorni.
“Grazie alle nuove scoperte di Kepler possiamo calcolare quale sial’effettiva percentuale di pianeti rocciosi distribuiti nella galassia” spiega Doug Caldwell, SETI Institute Kepler scientist presso l’Ames Research Center della Nasa a Moffett Field, in California. Per determinare se un pianeta extrasolare sia solido o gassoso, gli scienziati devono conoscerne la larghezza e la massa: quando non è possibile evincere direttamente la misura di quest’ultima, allora ne deducono la loro composizione dalle dimensioni.
“Analizzando i dati raccolti in quattro anni di osservazione saremo in grado di estrapolare in meno di dodici mesi risultati che ci diranno se esistono altri gemelli del nostro pianeta attorno a stelle identiche al Sole: siamo più vicini che mai a questo storico traguardo” aggiunge Fergal Mullally, sempre del Seti.
Ora che Kepler ha smesso di operare, per determinare la composizione atmosferica delle eventuali Terre-bis bisognerà impiegare telescopi molto potenti, in grado di analizzare la luce che filtra attraverso l’atmosfera degli esopianeti quando transitano di fronte alla propria stella. Solo allora si potrà capire se questi nuovi candidati hanno effettivamente le caratteristiche idonee per la vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.