Cerca QUI

Il pasticcio della Nasa su Marte

La Nasa è stata accusata di aver commesso un incredibile errore nella ricerca della vita su Marte, distruggendo le uniche tracce di antichi organismi ancora disponibili.

Il pasticcio della Nasa su Marte

La Nasa è stata accusata di aver commesso un incredibile errore nella ricerca della vita su Marte, distruggendo le uniche tracce di antichi organismi ancora disponibili. Gli esperti dell’Imperial College di Londra hanno affermato che gli esperimenti del Rover Curiosity potrebbero essere andati in fumo a causa di un minerale chiamato jarosite.

LA JAROSITE - Il Rover infatti riscalda i campioni rilevati a temperature altissime analizzandone poi i gas emessi, ma quando la jarosite viene scaldata distrugge le molecole organiche che avrebbero dovuto fornire indicazioni sulla vita marziana. Ma c’è di più, con l’aumento della temperatura anche la jarosite viene distrutta impedendo agli scienziati di dimostrarlo. Il professor Mark Sephton ha condotto esperimenti sulla jarosite provandone scientificamente le capacità distruttive. Cosa che «potrebbe spiegare il fallimento delle missioni attuali e passate».
LA VITA SU MARTE - Ironia della sorte, la jarosite è anche la prova di vita sulla Terra e può essere rinvenuta in acque acide, ricche di zolfo e abitate da batteri.
Il gruppo di ricerca dell’Imperial College spera che questa scoperta possa aiutare la Nasa a raffinare degli esperimenti della Rover superando definitivamente il problema. James Lewis del Dipartimento di Scienze della Terra e Ingegneria presso l’Imperial College, ha aggiunto: “Speriamo che il nostro studio possa aiutare gli scienziati nell’interpretazione dei dati su Marte aiutandoli a setacciare l’enorme quantità di dati rilevanti generati da Curiosity, dimostrando finalmente che su Marte una volta c’era vita”.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.