Cerca QUI

L’Universo in 3D con MUSE

Un gruppo di astronomi ha utilizzato lo strumento montato sul VLT per misurare la distanza di 189 galassie, che vanno da quelle relativamente vicine fino a quelle che vediamo quando l'Universo aveva meno di un miliardo di anni. Il tutto superando la potenza di Hubble
L'immagine di sfondo in questo composito mostra la fotografia presa dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nella regione nota come Campo Profondo Meridionale di Hubble. Nuove osservazioni con lo strumento MUSE montato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO hanno scoperto galassie remote invisibili per Hubble, di cui vengono evidenziati due esempi. Questi oggetti sono completamente invisibili nell'immagine di Hubble ma si vedono molto chiaramente nelle zone opportune di questi dati tridimensionali di MUSE. Crediti: ESO/MUSE Consortium/R. Bacon
L’immagine di sfondo in questo composito mostra la fotografia presa dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nella regione nota come Campo Profondo Meridionale di Hubble. Nuove osservazioni con lo strumento MUSE montato sul VLT hanno scoperto galassie remote invisibili per Hubble, di cui vengono evidenziati due esempi. Crediti: ESO/MUSE Consortium/R. Bacon

Lo strumento MUSE montato sul telescopio VLT (Very Large Telescope) dell’ESO ha fornito agli astronomi la miglior veduta tridimensionale di sempre dell’Universo profondo. Dopo aver fissato la regione del Campo Profondo Meridionale di Hubble (o Hubble Deep Field South in inglese) per sole 27 ore, le nuove osservazioni rivelano le distanze, i moti e altre proprietà di un numero di galassie ben superiore di prima in questo minuscolo lembo di cielo. Vanno anche oltre Hubble e svelano oggetti prima invisibili.
Osservando a lungo la stessa regione di cielo, gli astronomi hanno potuto creare delle mappe profonde del cielo che ci hanno rivelato molte informazioni sull’Universo primordiale. La più famosa di queste è l’originale Campo Profondo di Hubble, ottenuto dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nel corso di alcuni giorni verso la fine del 1995. Questa immagine spettacolare, ormai un’icona di Hubble, ha rapidamente trasformato la nostra comprensione del contenuto dell’Universo giovane. Due anni dopo è stata seguita da una simile osservazione nel cielo sud – il Campo Profondo Meridionale di Hubble.
Queste immagini però non avevano tutte le risposte – per saperne di più sulle galassie delle immagini dei campi profondi, gli astronomi dovevano osservare un oggetto per volta con altri strumenti, un compito lungo e difficile. Ma ora, per la prima volta, il nuovo strumento MUSE può fare svolgere entrambi i compiti nello stesso tempo – e anche molto più in fretta.
In questa figura gli oggetti per cui MUSE ha potuto misurare la distanza sono indicati con simboli colorati: le stelle bianche indicano le deboli stelle della Via Lattea, mentre tutto il resto sono galassie distanti. I cerchi mostrano gli oggetti che appaiono anche nelle immagini Hubble di questo campo, i triangoli rappresentano i nuovi oggetti, più di 25, scoperti nei dati di MUSE, che non si vedono nella foto di Hubble. Gli oggetti blu sono relativamente più vicini, mentre i verdi e i gialli più lontani, fino ai viola e rosa che sono galassie viste quando l'Universo aveva meno di un miliardo di anni. MUSE ha misurato la distanza di un numero più di dieci volte maggiore di galassie in questo campo di quanto fosse stato fatto finora. Crediti: ESO/MUSE consortium/R. Bacon
In questa figura gli oggetti per cui MUSE ha
potuto misurare la distanza sono indicati con
simboli colorati: le stelle bianche indicano le
deboli stelle della Via Lattea, mentre tutto il resto
sono galassie distanti. I cerchi mostrano gli oggetti
che appaiono anche nelle immagini Hubble di
questo campo, i triangoli rappresentano i nuovi
oggetti, più di 25, scoperti nei dati di MUSE, che
non si vedono nella foto di Hubble. Gli oggetti blu sono
relativamente più vicini, mentre i verdi e i gialli
più lontani, fino ai viola e rosa che sono galassie
viste quando l’Universo aveva meno di un miliardo
di anni. MUSE ha misurato la distanza di un numero
più di dieci volte maggiore di galassie in questo
campo di quanto fosse stato fatto finora. Crediti:

ESO/MUSE consortium/R. Bacon

«Dopo solo poche ore di osservazione al telescopio abbiamo dato un rapido sguardo ai dati e abbiamo trovato molte galassie – un risultato molto incoraggiante. Quando siamo tornati in Europa ci siamo messi a esplorare i dati più in dettaglio. Era come pescare in acque profonde e ogni nuova retata produceva entusiasmo e discussioni sulle specie appena pescate», ha spiegato
 Roland Bacon (Centre de Recherche Astrophysique de Lyon, Francia,CNRS) Investigatore Principale dello strumento MUSE e a capo del comitato di verifica.Una delle prime osservazioni con MUSEdopo la fase di verifica sul VLT nel 2014 è stato un lungo sguardo al Campo Profondo Meridionale di Hubble (o in inglese Hubble Deep Field South: HDF-S). I risultati hanno superato le aspettative.
Ogni punto dello sguardo che MUSE ha rivolto al campo HDF-S non è solo il pixel di un’immagine ma anche uno spettro che rivela l’intensità della luce nei suoi diversi colori costituenti proprio in quel punto – circa 90 000 spettri in tutto. Ogni spettro copre un intervallo di lunghezze d’onda che va dalla zona blu dello spettro fino al vicino infrarosso (475-930 nanometri). Questi possono rivelare la distanza, la composizione e i moti interni di centinaia di galassie distanti – oltre a catturare un piccolo numero di stelle molto deboli della Via Lattea.
Anche se il tempo totale di esposizione è stato molto inferiore di quello delle immagini di Hubble, i dati MUSE del HDF-S hanno rivelato in questo piccolo lembo di cielo più di venti oggetti molto deboli che Hubble non aveva visto per nulla. MUSE è particolarmente sensibile a oggetti che emettono la maggior parte dell’energia ad alcune lunghezze d’onda particolari, che appaiono come punti brillanti nei dati. Le galassie dell’Universo primordiale hanno di solito spettri di questo tipo poiché contengono idrogeno gassoso che risplende a causa della radiazione ultravioletta delle giovani stelle calde.
Questa immagine presa dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA è una delle più profonde dell'Universo in luce visibile/ultravioletta. Mostra una minuscola regione della costellazione meridionale del Tucano, chiamata Campo Profondo Meridionale di Hubble. L'immagine è stata presa dalla camera WFPC2 (Wide Field Planetary Camera 2) nel 1998. La luce proveniente dalle galassie è stata analizzata anche con lo spettrografo STIS (Space Telescope Imaging Spectrograph). Crediti: R. Williams (STScI), the HDF-S Team, and NASA/ESA
Questa immagine presa dal telescopio spaziale Hubble della
NASA/ESA è una delle più profonde dell’Universo in luce
visibile/ultravioletta. Mostra una minuscola regione della costellazione
meridionale del Tucano, chiamata Campo Profondo Meridionale
di Hubble. L’immagine è stata presa dalla camera WFPC2 (Wide
Field Planetary Camera 2) nel 1998. La luce proveniente dalle galassie
è stata analizzata anche con lo spettrografo STIS (Space
Telescope Imaging Spectrograph). Crediti:

R. Williams (STScI), the HDF-S Team, and NASA/ESA

Per le galassie più vicine, MUSE può fare anche di più e studiare le diverse proprietà delle diverse zone della stessa galassia. Ciò può rivelare la rotazione della galassia e come le proprietà varino da punto a punto nella galassia. È un metodo molto potente per capire come le galassie evolvano nel tempo cosmico.
«L’emozione più grande è stata quando abbiamo trovato galassie molto lontane che non erano neppure visibili nelle immagini più profonde di Hubble. Dopo così tanti anni di duro lavoro sullo strumento, per me è stata un’esperienza significativa vedere i nostri sogni diventare realtà», ha aggiunto Bacon. Osservando con attenzione tutti gli spettri delle osservazioni MUSE dell’HDF-S, il gruppo di astronomi ha misurato la distanza di 189 galassie, che vanno da quelle relativamente vicine fino a quelle che vediamo quando l’Universo aveva meno di un miliardo di anni.Questo è più di dieci volte il numero di misure di distanza che esistevano per questa zona di cielo.
«Ora che abbiamo dimostrato le capacità uniche di MUSE per esplorare l’Universo profondo, osserveremo altri campi profondi, come il Campo Ultraprofondo di Hubble. Potremo studiare migliaia di galassie e scoprirne di debolissime e molto distanti. Queste piccole galassie nella loro infanzia, viste com’erano più di 10 miliardi di anni nel passato, sono gradualmente cresciute fino a diventare simili alla Via Lattea come la vediamo oggi», ha concluso Bacon.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.