Cerca QUI

Mars One, anche un italiano tra i 100 selezionati per andare su Marte

Erano oltre 200mila i candidati pronti a partire per il Pianeta rosso, ora ne sono rimasti solo 100

Stabilire insediamenti umani permanenti su Marte: è l’obiettivo di Mars One, un progetto ambizioso che vuole entro il 2025 portare cento persone laddove mai è stato l’uomo.

La fondazione non profit olandese crede davvero che la colonizzazione sia possibile con le tecnologie attualmente esistenti e ritiene che sia nel pubblico interesse finanziare la missione. La road map del progetto prevede vari step e ovviamente tutte le componenti tecniche atte al buon funzionamento della missione saranno inviate su Marte ben prima delle persone. Ma è proprio la selezione delle risorse umane la parte più stuzzicante del progetto, cominciata nell’aprile 2013, con oltre 200mila richieste di adesione nella la prima fase del programma di selezione.
Come annunciato ieri, dai 202.586 candidati solo 100 – tra cui l’italiano Pietro Aliprandi – sono stati selezionati per accedere al prossimo round: sono più vicini a diventare quindi i primi umani ad andare su Marte e sono 50 uomini e 50 donne, dai 5 continenti, ma in prevalenza dalle Americhe e dall’Europa (da cui provengono31 persone). I 100 fortunati sono stati scelti da un bacino di 660candidati, dopo essere stati intervistati da Norbert Kraft, che ha testato la loro comprensione dei rischi, lo spirito di team e le motivazioni a cambiare vita per prendere parte alla spedizione.
Cosa succede adesso? I candidati al complicato compito disopravvivere sul pianeta rosso dovranno dimostrare, dopo aver ricevuto un training, di essere adatti a lavorare in team, perché bisogna essere pronti a far fronte comune in quella che si preannuncia come una sfida per la sopravvivenza. Tra i cento papabili a una futura vita su Marte c’è anche l’italiano Pietro Aliprandi, 25enne, studente di medicina a Trieste. “Ho sempre sognato di visitare la Luna, i pianeti e le stelle. Ispirato dai più famosi film di fantascienza, fin da piccolo ho scritto brevi racconti su viaggi nello Spazio sognando sempre di essere uno dei protagonisti”, c’è scritto nel suo profilo: il sogno potrebbe diventare realtà entro un decennio.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.