Cerca QUI

Rosetta “bacia” la sua cometa, l’Esa pubblica la prima foto

Rosetta “bacia” la sua cometa, l’Esa pubblica la prima foto
L'immagine rivela la superficie irregolare della cometa, in particolare la regione denominata Imhotep sul più grande dei due lobi. Oltre a scattare foto ravvicinate, il passaggio record ha permesso di 'annusare' la debole atmosfera cometaria e cercare così di avere maggiori informazioni sulla sua composizione

Il giorno di San Valentino Rosetta e la sua cometa si sono sfiorati. E così l’Esa, l’Agenzia spaziale europea, ha pubblicato la prima immagine scattata dalla sonda nel giorno dell’appuntamento ravvicinato con 67P/Churyumov-Gerasimenko. La sonda l’ha infatti ‘baciata’ passando ad appena 6 chilometri dalla sua superficie realizzando una serie di preziose foto per capire meglio questo ‘fossile’ del sistema solare.
La foto rivela la superficie irregolare della cometa, in particolare la regione denominata Imhotep sul più grande dei due lobi. Nella superficie piatta sono ben visibili alcuni massi con dimensioni variabili, fino a una decina di metri, e il più grande di questi (visibile in alto a destra) è stato battezzato Cheope. Ogni pixel dell’immagine rappresenta 0,74 metri e l’intera larghezza visibile è di 760 metri.
Oltre a scattare foto ravvicinate, il passaggio record di Rosetta ha permesso di ‘annusare’ la debole atmosfera cometaria e cercare così di avere maggiori informazioni sulla sua composizione. Nei prossimi giorni Rosetta continuerà a scattare nuove foto a distanze maggiori, in orbite tra i 15 e i 100 chilometri, e seguire l’evoluzione della cometa nel suo percorso di avvicinamento al Sole. Al momento la ‘coppia’ si trova a 345 milioni di chilometri dal Sole ma il 13 agosto di quest’anno raggiungeranno la distanza minima dalla stella di 186 milioni di chilometri, ossia tra le orbite della Terra e Marte.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.