Cerca QUI

Spazio: creata vita aliena in provetta, potrebbe sopravvivere su una luna di Saturno

E’ un organismo che sulla Terra non potrebbe sopravvivere perché dipende dal metano e non ha bisogno di ossigeno


dune titano Ha le dimensioni di pochi millesimi di millimetro, all’incirca quelle di un virus, il primo esempio di vita aliena costruito in provetta. E’ un organismo che sulla Terra non potrebbe sopravvivere perchè dipende dal metano e non ha bisogno di ossigeno.
Potrebbe invece abitare in un mondo freddo e ricco di laghi e fiumi di metano, molto simile a quello della piu’ grande luna di Saturno, Titano. Il risultato, pubblicato sulla rivista Science Advances, e’ stato ottenuto nella Cornell University da da Paulette Clancy, James Stevenson e Jonathan Lunine. Questo possibile E.T arriva a cinque anni dal batterio che viveva di arsenico messo a punto nei laboratori della Nasa, poi rivelatosi frutto di un errore. Ispirata dal racconto di Isaac Asimov “Not as We Know It”, che nel 1962 ipotizzava la possibilita’ di forme di vita diverse da quella terrestre, la nuova ricerca indicherebbe che Titano potrebbe ospitare forme di vita basate sul metano. Quella che i ricercatori hanno ottenuto e’ una membrana cellulare fatta di composti dell’azoto e capace di funzionare nel metano liquido, alla temperatura di 292 gradi sotto lo zero. L’ambiente singolare di Titano e’ stato rivelato per la prima volta nel 2004, quando la sonda dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) Huygens e’ discesa nell’atmosfera di questa luna di Saturno, rivelando un paesaggio fatto di monti e fiumi di metano. Un risultato ottenuto nell’ambito della missione Cassini condotta da Nasa, Esa e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Finora si era sempre andati a caccia della vita aliena cercando indizi e ambienti che riproducessero quanto avviene sulla Terra, ossia forme di vita basate su membrane cellulari fatte di vescicole che dipendono dalla presenza dell’acqua e chiamate liposomi. Quella ottenuta nei laboratori americani della Cornell University e’ qualcosa di completamente diverso. I ricercatori l’hanno chiamato ”azotosoma” e l’hanno ottenuto combinando elementi come azoto, carbonio e idrogeno, che potrebbero esistere nei laghi gelidi di Titano.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.