Cerca QUI

Uomo su Marte: la prima pianta sul pianeta rosso nel 2018 con Seed

seed
Sarà il team di Seed a portare la vita su Marte, nel 2018. È Seed infatti il vincitore della Mars One University Competition. Il team permetterà di fare un importante passo avanti con l'invio di un payload sul suolo marziano.


Il carico utile vincitore volerà sul pianeta rosso tra tre anni, con il lander senza pilota di Mars One. Seed è stato scelto dal voto popolare su 35 proposte universitarie. “In generale siamo stati molto soddisfatti della qualità delle proposte universitarie e dalla quantità dello sforzo associato alla preparaazione” ha detto Arno Wielders, co-fondatore e Chief Technical Officer di Mars One. "Seed stesso è una fonte unica di ispirazione in quanto questa sarebbe la prima volta che sarà portato su Marte un impianto per la coltivazione”.

L'”esperimento serra” ha dunque sbaragliato quelli presentati dai gruppi universitari di tutto il mondo. “Siamo davvero lieti di essere il progetto selezionato tra tante idee eccellenti”, ha detto un membro del team Teresa Araújo. “Siamo entusiasti di essere i primi a trasmettere la vita su Marte. Questo sarà un grande viaggio che speriamo di condividere con tutti voi”.
L'esperimento Seed. Seed punta a far crescere il primo seme su Marte al fine di contribuire allo sviluppo di sistemi di supporto alla vita e a fornire una comprensione più profonda sulla crescita delle piante su Marte. Il payload sarà formato da un contenitore esterno, che fornisce una protezione al duro ambiente marziano, e da un contenitore interno, che conterrà diverse cassette di semi della piccola pianta Arabidopsis thaliana, un organismo comunemente usato in esperimenti scientifici nello spazio. Dopo l'atterraggio, i semi saranno esposti al calore dando loro la possibilità di germogliare e crescere. Come faremo a sapere cosa accadrà? Alcune immagini verranno ritrasmesse sulla Terra e permetteranno ai membri del team - che hanno sede in diverse università tra Portogallo e Spagna – di sapere come va l'esperimento.
Seed è stato pensato per far progredire la comprensione dei ricercatori sul potenziale dellacrescita delle piante su Marte, in modo da lavorare in maniera mirata allo sviluppo di sistemi di supporto vitale sul Pianeta Rosso.
Ma non è tutto così semplice. Anche se Seed ha vinto il concorso, non ha ancora blindato il suo posto sulla missione del 2018. Mars One dovrà prima esaminare la proposta, per assicurarsi che sia fattibile e il sistema possa essere integrato sul lander.
Perché è importante far crescere le piante su Marte prima dell'arrivo dell'uomo? Una volta sbarcati, i marsonauti dovranno produrre da soli il cibo e dovranno improvvisarsi contadini.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.