Cerca QUI

HUBBLE e la caccia ai fantasmi di quasar. FOTO

quasar ghosts
I quasar sono considerati regioni luminose e compatte che circondano i buchi neri supermassicci di galassie lontane.
La loro estrema luminosità, la luminosità intrinseca, è ciò che li rende così interessanti per gli astronomi. Questo perché, per essere così lontani, eppure ancora così visibili, questi oggetti devono essere estremamente forti. Il 2 aprile 2015, il team NASA / ESA Hubble Space Telescope ha annunciato una nuova serie di immagini di quello che loro chiamano "fantasmi quasar enigmatici". Otto insolite strutture orbitano attorno alle loro galassie, rilasciando un distintivo bagliore verde.
Il team della NASA ha spiegato  che questi ciuffi verdi si pensa siano come lunghe code di gas nate durante una violenta collisione tra galassie.
Gli astronomi pensano infatti che le esplosioni di radiazioni provenienti da un quasar abbiano illuminato questi ciuffi eterei, forse brevemente. La grande luminosità del quasar deriverebbe da materiale galattico che cade all'interno verso il buco nero centrale di una galassia. Il materiale si riscalda mentre cade e forma un quasar luminoso e brillante. Ma i quasar non si irradiano in tutte le direzioni; invece, questi potenti getti o fasci di particelle e di energia si estendono al di sopra e al di sotto del quasar.
Si ritiene che ciascuno di queste otto immagini rappresenti dei filamenti invisibili di gas nello spazio profondo, fatte brillare da un fascio quasar che passa. Ciò avviene attraverso un processo chiamato fotoionizzazione, per cui l'ossigeno, elio, azoto, zolfo e neon nei filamenti hanno assorbito la luce dal quasar che lentamente viene ri-emessa dopo molte migliaia di anni. La loro inconfondibile tonalità smeraldo è causata dall'ossigeno ionizzato che si illumina di verde.
Queste strutture spettrali sono così lontane dal cuore della galassia che la loro luce impiega decine di migliaia di anni per raggiungerle ed illuminarle. Per questo, anche se i quasar si sono spenti, le nuvole verdi continueranno a brillare per molto tempo prima di dissolversi. Nonostante il loro passato turbolento, questi filamenti spettrali sono ora in orbita all'interno o intorno alle loro nuove galassie ospiti. Queste immagini di Hubble mostrano i luminosi, intrecciati e annodati flussi di gas, in alcuni casi collegati a corsie contorte di polvere scura.
quasar ghosts
La caratteristica bizzarra è stata doppiata da Hanny Voorwerp.
hannys voorwerp
Gli otto nuovi oggetti recentemente osservati dal telescopio spaziale Hubble sono stati trovati anche via Galaxy Zoo, in un progetto di spin-off, in cui circa 200 volontari hanno esaminato oltre 16.000 immagini di galassie in SDSS per individuare i migliori candidati per le nuvole simili a Voorwerp di Hanny. Un team di astronomi professionisti ha poi analizzato il lavoro dei volontari e ha trovato un totale di 20 galassie che avevano gas ionizzato dai quasar.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.