Cerca QUI

Samantha Cristoforetti, rientro sulla Terra rimandato per il fallito lancio del cargo

Samantha Cristoforetti, rientro sulla Terra rimandato per il fallito lancio del cargo
L'astronauta e i colleghi della stazione spaziale internazionale torneranno sulla Terra l'11 giugno anziché il 14 maggio. La decisione dopo che il cargo Progress M-27M, destinato all'Iss, si è disintegrato nell'atmosfera ed è precipitato sul Pacifico. Gli esperti non hanno dubbi nel definire il rientro come uno dei più anomali mai registrati
Rimandato di un mese il rientro sulla Terra di AstroSamantha. L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti e i colleghi della stazione spaziale internazionale, torneranno a casa l’11 giugno anziché il 14 maggio. La causa è il fallito lancio del cargo Progress M-27M, che si è disintegrato nell’atmosfera e la notte tra il 7 e l’8 maggio ed è precipitato sul Pacifico.


A parlare del rientro a terra posticipato, una fonte del settore spaziale russo che ha spiegato a Interfax, commentando così: “È stato deciso che il russo Anton Shkaplerov, l’italiana Samantha Cristoforetti e l’americano Terry Virts staranno a bordo della stazione spaziale internazionale per circa un mese in più. Si prevede che la Soyuz Tma-15M con loro a bordo atterri in Kazakhstan l’11 giugno. La decisione è stata presa dopo la perdita del cargo Progress M-27m destinato alla Iss“.
Il cargo russo Progress M-27M, da giorni in orbita fuori controllo, è entrato nell’atmosfera terrestre intorno alle quattro, ora italiana, e si è disintegrato sull’Oceano Pacifico. Le domande in cerca di risposta però sono ancora molte. Non si sa, al momento, se alcuni frammenti del velivolo siano sopravvissuti all’impatto con l’atmosfera. Gli esperti comunque, non hanno dubbi nel definire il rientro del cargo Progress M-27M come uno dei più anomali mai registrati, imprevedibile fino all’ultimo istante perché, contrariamente a tutte le attese e alle previsioni, è stato moltodifficile determinare correttamente l’orbita del veicolo. Il cargo Progress era infatti una sorta di gigante impazzito: un cilindro lungo 7 metri e pesante 7 tonnellate che ruotava intorno al suo asse minore una volta ogni 1,8 secondi. Nelle ore che hanno preceduto il rientro è riuscito anche a rallentare, smentendo ogni previsione, e fino all’ultimo momento ha reso impossibile restringere la finestra di incertezza.
Il cargo era stato lanciato il 28 aprile scorso dalla base russa di Baikonur, nel Kazakhastan, per consegnare all’equipaggio della Stazione Spaziale tre tonnellate fra viveririfornimenti e materiali per gli esperimenti scientifici. Ma subito dopo il lancio, avvenuto con una Soyuz, un incidente sul terzo stadio del razzo ha scagliato il cargo Progress su un’orbita più alta di quella prevista e il veicolo ha cominciato a ruotare velocemente su se stesso. Da allora è stato impossibile riprenderne il controllo.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.