Cerca QUI

Missione Rosetta, Philae ha inviato altri dati

Di nuovo al lavoro per raccontare segreti delle comete


Il lander Philae

Nella notte il lander Philae ha inviato altri dati dalla superficie della cometa sulla quale la missione Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) lo aveva portato il 12 novembre 2014.

''Abbiamo avuto un nuovo contatto, un po' più lungo rispetto al primo ma molto instabile'', ha detto all'ANSA Mario Salatti, responsabile del lander per l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) con i colleghi delle agenzie spaziali tedesca (Dlr) e francese (Cnes).
''Philae è in salute e trasmette, è incontrovertibile'', ha rilevato Salatti, che è in contatto con il centro di controllo del lander in Germania, a Colonia. Philae continua quindi a inviare dati che stanno aiutando tecnici e ricercatori a comprendere le sue condizioni: informazioni fondamentali perché nei prossimi giorni sia possibile programmarlo per attività scientifiche. ''Sono stati scaricati pochi pacchetti di dati - ha proseguito Salatti - e manca un chiaro riferimento temporale''. Non si sa, in pratica, se Philae si sia effettivamente 'svegliato' nella notte fra sabato e domenica o se abbia cominciato a inviare dati già da alcuni giorni.

''Una delle sue due memorie è piena e questo significa che il lander potrebbe avere accumulato i dati prima di spegnersi, o molto più probabilmente che li abbia raccolti negli ultimi giorni. E' probabile che sia sveglio già da qualche giorno, ma siamo riusciti a sentirlo solo ieri'', ha spiegato Salatti. Questo può essere accaduto per la posizione sfavorevole nella quale la sonda Rosetta si trova rispetto alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, dove si trova Philae. Distante più di 200 chilometri dalla cometa, la sonda non è probabilmente in una condizione ottimale per ricevere i dati dal suo lander. '' Quello che appare chiaro - ha detto ancora l'esperto - è che si debba migliorare la visibilità tra lander e orbiter per il futuro, ci stiamo lavorando''. Non si esclude, per esempio, una manovra per puntare la sonda in modo più preciso nel cono di trasmissione di Philae.

Nessun commento:

Posta un commento

Salve! Ogni lettore è invitato a commentare qualsiasi post voglia, ed è un bene il confronto d'idee. Sono dunque io, Riccardo Perilli, ad invitare ognuno di voi, carissimi lettori, a commentare i post che scrivo o condivido. Le uniche due cose che chiedo di rispettare, per chiunque commenti, è che mi scriva poi, in fondo al proprio commento, un nome (non importa il cognome, mi raccomando!) al quale possa far riferimento per rispondergli (altrimenti appare "Commento in anonimo"); e che poi clicchi sulla spunta "inviami notifiche", in modo da poter restare sempre aggiornato sulle risposte che fornirò, e quelle che scriveranno gli altri lettori.
Ringrazio, nel frattempo, in attesa di vostri nuovi commenti, chi già ha commentato e chi commenterà.

Per contattarmi

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.