Cerca QUI

Ma Straker ci credeva agli alieni?

Freddo, distaccato, silenzioso: l’incontro (ipotetico) con Ed Bishop, l’attore che interpretò il comandante nella serie televisiva «Ufo», alla ricerca dei misteri dell’universo

Se voi come me siete, o siete stati, fissati con gli alieni, allora a voi come me piacerebbe incontrare Ed Bishop (nella foto a destra) - è morto nel 2005 - l’attore che ha interpretato il comandante Straker, nella serie televisiva Ufo. Il comandante dirigeva una base militare, molto segreta, la S.H.A.D.O, occultata nei sotterranei di una casa di produzione cinematografica. Scopo dell’organizzazione? Combattere gli alieni che cercavano di conquistare il nostro pianeta, anche se (sembravano) tuttavia, più che alla florida terra, interessasti ai nostri organi vitali, tanto è vero che ogni loro apparizione lasciava sul campo morti con amputazioni visibili. 

Ma Straker ci credeva agli alieni?

Freddo, distaccato, silenzioso: l’incontro (ipotetico) con Ed Bishop, l’attore che interpretò il comandante nella serie televisiva «Ufo», alla ricerca dei misteri dell’universo

Se voi come me siete, o siete stati, fissati con gli alieni, allora a voi come me piacerebbe incontrare Ed Bishop (nella foto a destra) - è morto nel 2005 - l’attore che ha interpretato il comandante Straker, nella serie televisiva Ufo. Il comandante dirigeva una base militare, molto segreta, la S.H.A.D.O, occultata nei sotterranei di una casa di produzione cinematografica. Scopo dell’organizzazione? Combattere gli alieni che cercavano di conquistare il nostro pianeta, anche se (sembravano) tuttavia, più che alla florida terra, interessasti ai nostri organi vitali, tanto è vero che ogni loro apparizione lasciava sul campo morti con amputazioni visibili. 

X-Files: il primo trailer del ritorno di Mulder e Scully

L’”atmosfera” di mistero è sempre quella, anche nel primo brevissimo “teaser-trailer” della nuova serie diX-Files, che ritornerà su Fox il 24 gennaio 2016. Il filmato, dalla durata di pochi secondi, accenna a quello che sembra un Ufo schiantatosi sul nostro pianeta e all’autopsia di un essere alieno, con il solito contorno di militari e gruppi “speciali”, complotti e misteri da non rivelare. Ma chi calpesta il famoso poster con la scritta "I Want to Believe" di solito appeso nell'ufficio di Mulder?

New Horizons ai confini del Sistema Solare



Alle ore 13.49 italiane, New Horizons, ha raggiunto Plutone, "sfiorandolo" e passando a soli 12.500 KM dal pianeta nano. La missione compiuta dalla sonda, sono state festeggiate e salutate dalla NASA, attraverso un lungo applauso.

02/06/2015 Bari credevo che non ce ne fossero più

Giuseppe è un lettore del blog che non molto tempo fa girò un video ad un Oggetto Volante Non Identificato, che ritengo sia molto interessante.
Nel filmato, girato all'inizio dello scorso mese, si vede molto chiaramente una luce: inizialmente può essere scambiata per un satellite ma poi, questa opinione, "viene uccisa" nel momento in cui l'oggetto vira bruscamente da un lato, non seguendo più la perfetta linea retta che un normale satellite seguirebbe. Giuseppe, quando l'oggetto compie il brusco movimento, si fa scappare un forte (quanto giusto per l'emozione di assistere a tale, incredibile, spettacolo!) - Wow! -; è facile comprendere, a tal punto, che l'oggetto non è creazione dell'uomo, perché nessun artefatto umano, almeno a mia conoscenza, potrebbe compiere simili movimenti.


Particolare, ingrandimento dell'Oggetto: da notare la fortissima luminosità emanata da quest'ultimo.
Vi lascio qui sotto il video e la giusta (ma anche maledetta!) voglia di capire cosa possa essere tale misterioso oggetto... Buona visione!

LA GIORNATA MONDIALE DEGLI 'UFO': LA STORIA CHE PARTE DA ROSWELL

Intorno al 2 luglio del 1947 si verificò quello che divenne famoso come 'l'incidente di Roswell', in cui fu avvistato un 'oggetto volante non identificato'. Nell'anniversario di quell'avvistamento nel Nuovo Messico si celebra la giornata nazionale dedicata agli ‘Ufo’.

Luglio 1947.  A Roswell, una località del Nuovo Messico (Stati Uniti) si schianta quello che viene ritenuto un oggetto volante non identificato (‘Ufo’). Qualche giorno dopo, il giornale locale Roswell Daily Record riporta il comunicato dell’ufficio di informazioni della Roswell Army Air Field (RAAF), una base aerea dell’Aeronautica militare statunitense a circa cinque chilometri di distanza dalla città. Nel comunicato si spiega che i militari della base hanno recuperato da un ranch vicino a Roswell diversi rottami, appartenenti a un “disco volante”, tuttavia la prima dichiarazione ufficiale delle autorità statunitensi fu che si trattava di un semplice pallone sonda. Lo schianto - che poi è stato identificato come ‘l’incidente di Roswell’ - si verificò intorno al 2 luglio del 1947 a diversi chilometri dalla cittadina abitata da meno di 30mila persone. Per questo motivo proprio oggi – il 2 luglio – si celebra la giornata nazionale dedicata agli ‘Ufo’.

Giove e Venere: la congiunzione di ieri sera

Ieri sera c'è stato il "punto" di massimo avvicinamento tra i due pianeti Giove e Venere (entrambi molto luminosi e, se visti dalla città, probabilmente, anche le uniche "stelle" possibili da vedere di notte); la distanza minima, come ha annunciato l'astrofisico Gianluca Masi a
"Il Fatto Quotidiano": - Lo spettacolo è assicurato, la congiunzione tra i due pianeti si compie tra oggi e domani e ldistanza minima, inferiore al diametro della Luna piena, si avrà domani mattina alle 11.20, quindi Venere passerà oltre. Il momento ideale per osservare i due pianeti in tutto il loro splendore sarà verso le 21.30 di domani, da una postazione con l’orizzonte sgombro -
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarmelo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto
a variazioni nel tempo.